Raffaello: cantante neomelodico ai domiciliari per una sparatoria

0

Raffaello è stato condannato agli arresti domiciliari per una sparatoria avvenuta in un ristorante.

E’ stato condannato agli arresti domiciliari il cantante neomelodico Raffaello. Nativo di Casoria, Napoli, l’artista è noto per aver prestato un suo brano, “La nostra storia”, per l’apertura del film “Gomorra” di Matteo Garrone, dal libro di Roberto Saviano. Raffaello è ai domiciliari per una sparatoria avvenuta in un ristornate lo scorso 19 giugno.

L’udienza si è svolta oggi presso il tribunale di Napoli Nord, per Raffaello un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari. Nella notte tra il 19 e 20 giugno scorsi, il cantante neomelodico aveva avuto una lite in un ristorante di Aversa (Caserta) con due avventori. Questi si erano dati alla fuga, e Raffaello aveva esploso alcuni colpi di pistola in aria che avevano ferito un cameriere, estraneo alla lite. Le accuse sono di tentato omicidio, porto e detenzione di arma da fuoco.