Attentato in Afghanistan, 11 morti

0

Ancora sangue in Afghanistan, violenza come al solito diretta contro chi cerca di fare della pace il suo obbiettivo di vita. Ieri un attentato suicida diretto contro i veicoli della polizia, che stavano scortando un leader locale impegnato nella lotta contro i talebani, ha fatto ben 11 morti. L’attentato è avvenuto ad Asadabad, nella regione orientale dell’Afghanistan. Il bilancio è destinato probabilmente ad aumentare, perché vi sono feriti che versano in gravi condizioni.

L’ennesimo attentato in una terra martoriata dalla violenza dei talebani ha mietuto una vittima da sempre impegnata contro i talebani stessi, Khan Jan, leader tribale del luogo. L’uomo aveva già guidato negli scorsi anni una rivolta locale contro il regime dei talebani, integralisti islamici che hanno la meglio nello stato. A dare le informazioni sulla posizione del leader Khan Kan è stato Abdul Habib Sayedkhaili, il capo della polizia locale. Per ora nessuna rivendicazione dell’attentato è giunta alle forze dell’ordine, ma la matrice dell’attacco appare ben chiara.

L’attentato è solamente l’ennesimo di una serie che ha sconvolto il paese, facendo morti e feriti non solamente contro le forze dell’ordine ma anche contro la popolazione locale, del tutto inerme di fronte alla violenza cieca dei talebani che governano il territorio.