Chiuso caso Ebook, Apple pagherà 450 milioni di dollari

0

Si è chiusa negativamente per la Apple la faccenda degli Ebook, con una multa per l’azienda di Cupertino di ben 450 milioni di dollari. Una controversia che va avanti fin dal 2012 e che ha visto Amazon vs Apple e gli editori digitali. Ma cosa è accaduto nel dettaglio? In pratica, Apple è stata accusata di aver pianificato una strategia per stroncare le vendite di Amazon, o almeno sfavorire il colosso dell’e-commerce.

Lo avrebbe fatto mettendosi d’accordo (secondo l’accusa corrompendo) cinque editori degli Stati Uniti d’America, pattuendo con loro di mantenere alti i prezzi degli Ebook, per tagliare fuori Amazon dalla vendita di libri digitali. Il Dipartimento di Giustizia USA, che sostiene da tempo che Steve Jobs avesse un piano per combattere Amazon, hanno trovato un’email del co-fondatore della Apple, Jobs, nella quale l’uomo sosteneva di voler creare un mercato di Ebook di prezzo compreso fra i 12,99 dollari ed i 14,99 dollari, più alto rispetto al prezzo medio di Amazon, 9,99 dollari.

L’obbiettivo dell’azione era, logicamente, quello di alzare anche i prezzi dello store di Ebook made in Apple e di tagliare fuori Amazon. Apple ha sempre ribadito la sua innocenza rispetto ai fatti, ma l’antitrust non ha voluto sentire ragioni ed ha imposto all’azienda statunitense una mega multa, di ben 450 milioni di dollari.